Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

Progetto Asiago: conoscere, ricordare, tramandare

Progetto Asiago: conoscere, ricordare, tramandare

In occasione delle celebrazioni del Centenario della Grande Guerra, il Comune di Asiago, in collaborazione con il Comando Forze Operative Nord, ha ideato un progetto al fine di sollecitare una riflessione sulla Grande Guerra con l'obiettivo di far scoprire al grande pubblico i luoghi e le Comunità che sono stati i protagonisti del primo vero evento del Popolo Italiano.
Dal 3 al 6 agosto 2017, l’altipiano di Asiago sarà il protagonista assoluto della rivisitazione storica del Primo conflitto mondiale riportando alla memoria fatti e personaggi che appartengono alla storia Italica, della Patria e delle radici identitarie di cui è intessuto il nostro recente passato.
L'abnegazione e la lealtà dei nostri soldati nonché la loro presenza con elevato spirito di servizio, hanno costituito le fondamenta per la costruzione della nostra Democrazia: per questo dobbiamo condividere con orgoglio il valore esemplare del loro agire fino all'estremo sacrificio della vita umana. Furono, infatti, 75.000 i soldati che caddero nella battaglia dell'”Altopiano”.

Il progetto “ASIAGO: CONOSCERE, RICORDARE, TRAMANDARE” ha il precipuo proposito di raccontare per far rivivere e soprattutto difendere e tramandare un patrimonio di memoria nazionale e collettiva su cui si fonda l'identità del nostro Paese. Una “Memoria” che dovrà restare viva anche oltre l'arco temporale delle celebrazioni della commemorazioni della Grande Guerra, anche in previsione del grande intervento conservativo a cui il Sacrario Militare di Asiago sarà sottoposto tra breve.
Il filo conduttore del progetto è il tema del “Conflitto”, in particolare, si studieranno le ragioni storiche poste alla base della Grande Guerra, gli accadimenti sui cittadini e sul loro territorio di appartenenza. L’approccio innovativo attraverso il quale verranno sviluppati i contenuti, che rappresenta una novità assoluta rispetto ai classici eventi celebrativi, sarà la possibilità di “entrare” dentro il vissuto dei soldati e del territorio, facendone rivivere la storia da una prospettiva “altra” che, oltre a rappresentare un fortissimo elemento di crescita, avrà un potere socio-culturale profondo, anche grazie all’allestimento teatrale “Filo spinato nel cuore”.
Inoltre, visitare il Sacrario di Asiago ed il percorso delle Trincee accompagnati da associazioni tra le quali: Amici del Museo della Terza Armata, FASI e Rievocatori storici “Per non dimenticare”, autentici testimoni della storia presente, significherà non occuparsi più di eventi lontanissimi dalla propria vita, né attivare una mera curiosità per le armi e le battaglie, ma accrescere la propria consapevolezza rispetto alla tragedia di una guerra approcciando l’esperienza storica del conflitto con atteggiamento scevro da ideologie.

OBIETTIVI DEL PROGETTO
Il progetto, come detto, ha lo scopo di avvicinare i cittadini, al tema della Grande Guerra in maniera innovativa, invitandoli a riscoprire la memoria storica non solo come statica rievocazione ma come occasione di testimonianza viva. Obiettivo primario è la valorizzazione del patrimonio delle testimonianze materiali ed immateriali del 1° Conflitto Mondiale, secondo una prospettiva in grado di coniugare la componente storico culturale con quella del turismo esperienziale.
In questo senso gli eventi che costituiranno il progetto integrato, con un'azione sinergica di collegamento tra i diversi attori coinvolti, si pongono quindi i seguenti obiettivi:

  1. Favorire la conoscenza nelle comunità locali della storia della Grande Guerra. 

  2. Rendere visibili e riconoscibili a quanti visitano la provincia di Asiago i molti segni lasciati dalla guerra attraverso visite guidate con le Associazioni Combattentistiche e d'Arma e l'Associazione Amici del Museo della Terza Armata. 

  3. Valorizzare l'impegno profuso dalle amministrazioni pubbliche per conservare un patrimonio storico di memorie che appartiene a tutta la comunità e alla storia italiana ed europea. 

  4. Promuovere, tra le generazioni più giovani, la conoscenza delle cause del primo conflitto attraverso l'organizzazione di conferenze tematiche. 

  5. Ricordare il vissuto dei soldati attraverso un allestimento teatrale nel cuore della terrazza del Sacrario Militare. 

  6. Promuovere il turismo esperienziale.


SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO