Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 
Accadde oggi - 12/08/1921

Zeri, grande storico dell’arte

Nasce a Roma Federico Zeri, critico e storico dell’arte tra i più apprezzati in Italia, definito da Vittorio Sgarbi “Il più cattivo, quindi il migliore”. Polemista, dal temperamento deciso, denuncia l’abbandono e il degrado del vasto patrimonio artistico italiano. Nel 1946 viene nominato ispettore dei beni Culturali delle Belle Arti, e dirige per due anni i lavori della Galleria Spada, abbandonando però l’incarico alla fine degli anni Cinquanta per dedicarsi allo studio e alla ricerca. Diverse le sue pubblicazioni, tra le quali il libro autobiografico Confesso che ho sbagliato, raccolta di aneddoti e avvenimenti personali: “Avvenimenti - sottolinea Zeri - di un’epoca che non esiste più”. Strumento di lavoro  indispensabile per Zeri è la fototeca. La sua, che risale agli inizi degli anni '40, viene tenuta scrupolosamente aggiornata nel corso di tutta la sua esistenza e, ad oggi, rappresenta “il più grande archivio privato al mondo sulla pittura italiana”. Zeri muore a Mentana (Roma) il 5 ottobre 1998.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo