Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

Una visita insolita. JFK nel ricordo di un bambino

 Una visita insolita. JFK nel ricordo di un bambino

La mattina del 2 Luglio 1963 il Presidente J.F.Kennedy passo' con la sua auto vicino casa mia a Napoli, nelle vicinanze della NATO a Bagnoli.
Quartiere modesto industriale, Italsider, Eternit, Cementir, Novopan e altre grandi fabbriche, che ora non ci sono piu'. Non avevo ancora 9 anni, ma ricordo il grande calore con cui fu accolto il Presidente.
La via allora si chiamava Via Domiziana, ma dopo la morte del presidente fu chiamata per un tratto di strada Viale J.F. Kennedy, a testimonianza dell'affetto reciproco fra il popolo napoletano e John Fitzgerald Kennedy.
Quella mattina passando vicino casa mia il Presidente fece un piccolo cenno all'autista. L'auto si fermo' per alcuni secondi ed il Presidente con una mano  strinse la mia manina, che scompariva nella manona di quel grande uomo, e, con l'altra mano, mi accarezzo' il viso.
Ognuno ha i suoi pregi e le sue mancanze, ma da quella mano uscì molto amore. Da quella volta ho imparato che se vuoi lasciare un buon ricordo ed una traccia di amore, non c'e' niente di meglio che una tenera carezza.

Tratto da "La mia storia, per esempio".

Commenta

Tags

Condividi questo articolo