Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

Una sfida americana. Le elezioni del Presidente degli Stati Uniti.

Ogni 4 anni i riflettori vengono puntati sugli sfidanti nella corsa alla Casa Bianca. Ma per capire meglio come si elegge il Presidente degli Stati Uniti, chi è e cosa può fare, è necessario conoscere lo spirito che fin dalle origini ha animato quella nazione, i momenti storici fondamentali, la sua Costituzione e le sue istituzioni. Elementi al centro del documentario di Rai Storia, realizzato in collaborazione con Aspen Institute, “Una sfida americana”, di Gianluca Miligi, con la regia Giuseppina Rossi, in onda il primo novembre alle 22.10.  Fin dall’inizio quella degli USA è una storia di sfide e di religiosa fiducia che quelle sfide siano “destinate” al successo: gli Stati Uniti si sono sempre considerati “One Nation under God”. Quattro secoli fa un centinaio di pellegrini puritani attraversa l’Atlantico con l’idea di fondare nel Nuovo Mondo la nuova, biblica, “città sulla collina”. Ma questa è solo la sfida originaria, la prima di una lunga serie: la Guerra d’Indipendenza, una “più perfetta unione” di Stati, una moderna Costituzione, la sopravvivenza a una sanguinosa Guerra Civile, o di Secessione, fino alle tante sfide del Novecento, il “secolo americano”.

In questa parabola storica, stella polare è stata la Costituzione (Philadelphia, 1787), in cui tutto o quasi è stato scritto e previsto: la divisione e il bilanciamento dei poteri, le istituzioni e il loro funzionamento, il ruolo del Presidente e le sue prerogative. Anche la strada che porta alla Casa Bianca è una complicata progressione di sfide, da quella “in famiglia”, tra gli aspiranti candidati dello stesso Partito, al serrato confronto tra il candidato democratico e repubblicano, fino alla conclusiva sfida nell’Election Day di novembre. Ma comunque finisca, vincitore e vinto, Presidenti vecchi o nuovi, tutti sono uniti nell’invocazione “God bless America” e dalla convinzione di appartenere a una nazione “eccezionale”. Il racconto si avvale di autorevoli voci, statunitensi e italiane, in campo accademico, politico e mediatico.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo