Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

Teatri senza tempo

Un viaggio nei teatri antichi, ascoltando “La cantata della grecità”, lo spettacolo scritto da Moni Ovadia, in collaborazione con Luciano Canfora, che rilegge i miti greci intrecciando lo sguardo contemporaneo di Ghiannis Ritsos (il maggiore poeta greco del XX secolo) ai testi epici veri e propri come quelli di Omero e di Euripide.  “Italia, Viaggio nelle Bellezza” racconta il progetto speciale MiBACT “Teatri Antichi nostri contemporanei” di QAcademy: un progetto che, grazie allo spettacolo di Ovadia, ha fatto rivivere la scorsa estate gli antichi palcoscenici di sei aree archeologiche italiane:  Fiesole, Ferentum, Ostia Antica, Baia, Paestum e Grumento Nova in Basilicata. Se le performance di Ovadia hanno fatto rivivere questi luoghi antichi, i racconti dei luoghi curati dal Laboratorio Archeoframe dell’Università Iulm di Milano, e interpretati da un attore prima dello spettacolo, ci hanno fatto conoscere le vicende storiche di questi straordinari siti.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo