Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

Rivoluzione copernicana

Sono due le date fondamentali della storia della scienza moderna.

Il 1543, anno di pubblicazione di “De revolutionibus orbium coelestium” di Niccolò Copernico, nel quale sostiene che è il Sole a stare al centro dell’Universo e non la Terra come sostenuto da Aristotele. Il testo di Copernico segna la rivoluzione scientifica.

L’altra data è il 1687, quando Isaac Newton dà alle stampe “I principi matematici della filosofia naturale” completando così la rivoluzione del suo predecessore e spalancando le porte alla modernità.

Tra Copernico e Newton ci sono stati anche Galileo Galilei, la Riforma luterana e la Controriforma cattolica. Ed è in questo periodo – come dice lo storico Alessandro Barbero – che nasce il "metodo scientifico" così come lo conosciamo ancora oggi. Il lavoro di ognuno è materiale di lavoro per chi viene dopo. E la scienza progredisce.

Il fermento intellettuale dell’epoca – aggiunge il Professor Barbero – era così intenso e diffuso che animò e sostenne fortemente la rivoluzione scientifica tra il ‘500 e il ‘600 e con essa tutti i campi del sapere e le grandi esplorazioni. 

Nel XIX secolo il Vaticano toglie il libro di Copernico dalla lista dei libri proibiti. Ma è soltanto nel 1982 che Giovanni Paolo II rivede la posizione della Chiesa nei confronti della scienza e allo scopo nomina una commissione. Dieci anni dopo, il Papa presenta il lavoro della commissione e si scusa a nome della Chiesa per il procedimento contro Galileo.

Il tempo e la storia: La rivoluzione copernicana

di Massimo Gamba

con il prof. Alessandro Barbero

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo