Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Le stragi nazifasciste in Italia

Tra l'8 settembre 1943, giorno dell’Armistizio, e il 25 aprile 1945, la Liberazione, l’Italia viene occupata dalle truppe tedesche e diventa terreno di battaglia di una “guerra totale”. In quei venti mesi di guerra civile, i più duri per il nostro paese, interi reparti della Wermacht, divisioni di SS e militi della Repubblica sociale italiana si accaniscono contro la popolazione civile in maniera massiccia e indiscriminata. Rastrellamenti, eccidi, stragi, incendi e saccheggi di case, rapine, fucilazioni, torture sui corpi dei prigionieri politici, stupri contro le donne. Pagine tragiche che il professor Paolo Pezzino rilegge con Michela Ponzani a “Il Tempo e la Storia”, il programma di Rai Cultura in onda martedì 7 febbraio alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia.

Quelle dei tedeschi non sono “rappresaglie” ma veri e propri crimini di guerra. È la “guerra ai civili”; una strategia terroristica preventiva e intimidatoria, messa in atto per “bonificare” il territorio italiano dalla presenza dei partigiani e spezzare il legame che esiste – o potrebbe esistere – tra le formazioni armate della Resistenza e i civili.

Dalla fine del conflitto a oggi, abbiamo assistito, nella maggior parte dei casi, alla mancata celebrazione dei processi contro criminali di guerra. Herbert Kappler, responsabile per l’eccidio delle Fosse Ardeatine, e Walter Reder, per quello di Marzabotto, sono stati condannati e hanno passato diversi anni in carcere. Per il resto l’impunità è stata pressoché totale.

Nel 2016 un gruppo di storici italiani ha pubblicato l’“Atlante delle stragi naziste e fasciste”. È un database in cui sono raccolti, censiti, catalogati tutti gli episodi di violenza di quei venti mesi. Uno strumento di grande utilità per la ricerca storica, ma disponibile per tutti su internet (www.straginazifasciste.it). Un archivio della memoria che serve anche a non dimenticare.

 

Le stragi nazifasciste in Italia

con il prof. Paolo Pezzino

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo