Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

La storia dell`opera. Il teatro alla Scala racconta l`Italia

Il tempio della cultura italiana è legato fin dalla sua nascita, nel 1778, alla storia d’Italia.
Gianni Riotta in studio con Guido Crainzdocente di storia contemporanea dell’Università di Teramo, ripercorre le tappe più importanti, le vicende e i personaggi che hanno meglio rappresentato in Italia e nel mondo il teatro meneghino, nel bene o nel male specchio del Paese.

Non c’è pezzo della nostra storia che non si possa legare a La Scala – commenta Crainzin particolare nel periodo di quella che Leopardi chiamava “la società stretta”, l’élite, che poi prosegue con il Risorgimento, i moti del 1898, poi gli anni ’50, i miti del dopoguerra fino ad oggi. La Scala – aggiunge il prof. Crainz - è fondamentale anche nella storia dell’ascolto: Toscanini è decisivo a trasformare la Scala da tempio della socialità a tempio dell’ascolto,  un fatto per nulla scontato”.

Nella puntata  un’intervista al compositore Giorgio Battistelli che sarà in scena nel maggio prossimo con la sua opera "CO2" e le immagini delle Teche Rai di alcuni dei grandi nomi legati alla storia di questo teatro. Prima fra tutte Maria Callas che in un’intervista di repertorio dice: “La Scala come tradizione, come qualità d’orchestra, come messa in scena, come serietà del lavoro, offre il meglio che c’è,  è il tempio dell’arte e io qui ho dato il meglio di me stessa”.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo