Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

I nativi americani

Gli indiani o pellerossa, i primi colonizzatori del Nord America oggi vengono chiamati "nativi americani".

La loro storia con l'uomo bianco comincia nel 1610 con lo sbarco dei coloni inglesi sulle coste della Virginia.

All’arrivo dell'uomo bianco l’America del Nord è popolata da tre milioni di indiani: nelle foreste del Nord Est ci sono i Moicani e gli Irochesi,  nelle praterie del Nord i Sioux e i Cheyenne,  nelle pianure del Sud gli Apache e i Navajo.

L’epopea del west si chiude con la resa dell’ultimo indiano ribelle, Geronimo che nel 1886 viene mandato in prigione in Florida mentre i suoi Apache vengono spediti in Oklahoma, il deposito dei popoli indiani.
Oramai tutte le tribù sono confinate nelle riserve, gli indiani, ovvero i nativi americani, sono ridotti a 250mila persone.

Neppure la sfilata a cavallo di Geronimo, diventato una leggenda, durante la parata inaugurale del Presidente Theodore Roosevelt, servirà a comprendere il dramma vissuto dai nativi americani.

Sarà solo con la controcultura della “beat generation degli anni ’50 e soprattutto con il flower power” degli anni ’60 che si avrà una totale revisione della storia e della cultura dei nativi, revisione che produrrà film “anti western” come “Soldato blu”, “Il piccolo grande uomo” e più tardi “Balla coi lupi”.

Il tempo e la storia I nativi americani
di Giancarlo Di Giovine
con il prof. Franco Cardini

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo