Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

I 130 anni del Gazzettino

In occasione dei 130 anni de ‘Il Gazzettino’ di Venezia, Rai Storia sabato 23 settembre alle ore 20.20 e alle ore 23.18, trasmette “VENEZIA TRIVENETO NORDEST – i 130 anni de Il Gazzettino” , storia della testata non soltanto di Venezia, ma del Veneto e di tutto il Nordest, con l’ausilio di rari e preziosi materiali dall’archivio Rai e un’intervista al direttore Roberto Papetti e Carlo Nordio, ex magistrato e firma autorevole del giornale.
E’ il 20 marzo 1887 quando un maestro da Pieve di Cadore, Giampiero Talamini, chiude in tipografia il primo numero de “Il Gazzettino”. Così commenta Papetti: “creare un quotidiano nel 1887 era un’impresa ciclopica. Basti pensare che in quel periodo in Italia c’erano 145 quotidiani, solo nella piazza di Venezia ce n’erano altri, c’è n’erano altri 5 quotidiani. E lo fece sulla base di alcune intuizioni. La prima, che era già scritta nel distico che decise di mettere sotto la testata, “Il Gazzettino - giornale della democrazia veneta”, che quindi collocava, per così dire, politicamente il Gazzettino come giornale che si faceva interprete dei cambiamenti, delle riforme. L’altra intuizione, quando lui scriveva “il nostro giornale, benché piccolo, conterrà molte cose” Il Gazzettino di Talamini portò in prima pagina la cronaca, i servizi, gli orari dei treni, gli orari dei negozi. Cioè, fece un giornale assolutamente popolare.”

In pochi anni il Gazzettino, tra campagne sociali e cronaca giudiziaria, arriva a tirare una media di 150.000 copie, e con la prima guerra mondiale, in quanto giornale più vicino al fronte, diventa il ponte tra i soldati e le loro famiglie.
Dopo il 28 aprile 1945, con la liberazione di Venezia, il CLN cambia la testata in “Fratelli d’Italia”.
Dopo quattro giorni il PWB, l’organismo di controllo dei mezzi di comunicazione degli Alleati, lo tramuta in “Corriere Veneto”. Dopo poche settimane, il 17 luglio 1945, viene ristabilita la testata de ”Il Gazzettino”.

Nel dopoguerra, Il Gazzettino è testimone della crescita economica e sociale del Triveneto.
Palazzo Ca’Facannon, suggestivo palazzo settecentesco in mezzo alle acque, sede della redazione e della rotativa dal 1898, è uno dei punti di riferimento della città lagunare, e dove confluiscono le corrispondenze dalle 18 sedi locali.
Il 2 giugno 1964 il cronista Rai Nino Vascon mostra ai telespettatori la vita convulsa e serena della redazione e della tipografia.
Una tranquillità turbata il 4 novembre 1966, quando l’acqua alta, la più alta da secoli, travolge i locali della tipografia. Con uno sforzo eccezionale, “Il Gazzettino” esce con un solo giorno di pausa, e si avvia il processo di trasferimento, che si concluderà con l’apertura dell’attuale sede di Mestre, nel 1977.
Gli anni 80 a “Il Gazzettino” sono rappresentati da Giorgio Lago, direttore dal 1984 al 1996, inventore della formula giornalistica del “nordest”, un territorio economico, che col tempo assume anche connotati politici.

L’attuale Gazzettino vive, e racconta, la crisi economica e le spinte autonomiste mai sopite, puntando sulla carta, con una nuova rotativa, senza dimenticare il web.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo