Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Gramsci

Uomo politico di primo piano, tra i fondatori del Partito Comunista d’Italia nel 1921, Antonio Gramsci  ha pagato prima col carcere e poi con la vita la devozione alle sue idee, negli anni della dittatura fascista. Insieme con Benedetto Croce, è uno dei massimi intellettuali italiani del Novecento e a tutt’oggi uno dei più studiati nel mondo. Michela Ponzani ne parla con Giuseppe Vacca, storico e direttore dell’Istituto Gramsci, a “Il Tempo e la storia”, in onda giovedì 27 aprile alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Attraverso i rari e preziosi documenti conservati presso l’archivio dell’Istituto Gramsci, la puntata ripercorre la storia di Gramsci, intrecciando le vicende dell’uomo (nato nella Sardegna poverissima di fine Ottocento e minato nel fisico fin dall’infanzia, poi studente a Torino, quindi sposo e padre), con quelle del raffinato intellettuale (giornalista, critico letterario, linguista, teorico della storia) e quelle del politico (dalle idee sulla rivoluzione ai difficili rapporti con Mosca, con Togliatti e col Partito Comunista), fino alla morte a Roma nel 1937 e alla sua grande eredità morale e culturale, affidata alle “Lettere” e ai “Quaderni del Carcere”, pubblicati postumi.  

Libro: Vita e pensieri di Antonio Gramsci. 1926-1937, di Giuseppe Vacca, Einaudi 2012
LUOGO: Casa Museo Antonio Gramsci di Ghilarza (OR)

FILM: Nel mondo grande e terribile. Un film sulla vita e il pensiero di Antonio Gramsci, di Daniele Maggioni, Laura Perini, Maria Grazia Perria, 2017.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo