Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Eco della Storia - Passione mondiale

In vista dei campionati di Brasile 2014, Eco della Storia dedica una puntata alla storia dei mondiali di calcio, dal titolo “Passione Mondiale”.
Gianni Riotta dialoga con Dino Zoff, ex calciatore e portiere dell’Italia campione del mondo nel 1982, con il giornalista Maurizio Crosetti e lo storico Paolo Colombo, alla ricerca degli aneddoti più avvincenti e curiosi sulla storia del calcio italiano, per spiegare quanto il costume italiano sia figlio della memoria condivisa creatasi durante le partite di quella competizione. 
Dai mondiali del 1934, apoteosi del regime fascista, che li organizza in Italia e che sono vinti dalla squadra del “nazionalista” Pozzo, fino alla Corea del 1966, fatale approdo del mondiale inglese negli anni del beat, che crea per il nostro paese un vero e proprio modo di dire.
Il viaggio prosegue con Messico 1970, con “la partita del secolo” Italia-Germania, e fa rotta sul contestato mondiale del 1978, quando ad organizzare il torneo fu l’Argentina del regime di Videla. Fino ad arrivare alla notti magiche di Italia '90, frutto di emozione e passione, ma col retrogusto amaro degli sprechi per la costruzione degli stadi e le opere mai terminate, che fecero aumentare la delusione sportiva per il terzo posto dell’Italia, sconfitta ai rigori in semifinale dall’Argentina.
Per gli italiani, però, l’immagine più viva nella memoria resta sempre quella del Presidente Sandro Pertini al Bernabeu di Madrid, quando gli azzurri di Bearzot vincono il mondiale del 1982. Un trionfo che fece da traino all’Italia che usciva dagli anni di piombo e riportò idealmente il paese nel benessere, con Pertini che giocò a carte  in aereo con Causio, Bearzot e Zoff. Quest'ultimo ancora oggi racconta a Eco della Storia l’“errore” del Presidente nella storica partita a scopone.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo