Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Crash - Regioni d`Italia: Calabria

 Crash - Regioni d`Italia: Calabria

 

Alcune regioni d’Italia nella prima metà del ‘900 e anche più avanti, negli anni ’60, si sono letteralmente spopolate a causa dell’emigrazione verso l’estero di centinaia di migliaia di italiani.
La Calabria è decisamente una di queste regioni.
La sua gente, nel secolo scorso, tra migrazioni interne e all’estero, ha dato un enorme contribuito alla creazione di quell’altra Italia, quella che vive sparsa nel mondo. 
Partivano i braccianti, i contadini poveri, i disoccupati e sottoccupati di quei campi che non potevano più dar loro di che sopravvivere. 
Andavano a lavorare in Svizzera, Germania, Belgio, Olanda o nel nord Italia.
Oggi, come le altre regioni del nostro Paese, anche la Calabria da terra di emigrazione è divenuta regione d'immigrazione. E a Rosarno ogni anno in tanti arrivano per cercare lavoro come braccianti, spesso in nero e per pochi euro al giorno, e si spostano seguendo l’andamento delle stagioni per lavorare nei campi.
L'immigrazione tuttavia non è soltanto sinonimo di sfruttamento e illegalità, ma è anche strumento di rinascita e sviluppo per paesi abbandonati da decenni, come Riace, Badolato, Caulonia, piccoli comuni tra le colline della costa Ionica, ripopolati grazie all’arrivo di rifugiati e richiedenti asilo in fuga da paesi in guerra.  
 
Conduce in studio Valeria Coiante. 

Tags

Condividi questo articolo