Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

Il mito dell`Orient Express: dalla Belle Époque a Hitler

La storia del treno più famoso di tutti i tempi, il più romantico, quello che ha ispirato per generazioni il cinema, la letteratura e il genio creativo di Agatha Christie si intreccia con un secolo di storia politica europea: dal 4 ottobre 1883, quando L’Orient Express parte per il suo primo viaggio da Parigi verso Istanbul, al 19 maggio 1977, quando compie quel percorso per l’ultima volta prima di rinascere come l’attuale treno di lusso. 

Nel 1883 la guerra franco-prussiana è finita da dodici anni, l’Impero Austro-ungarico sta cercando di mettersi al passo con gli stati moderni e l’Impero ottomano è in declino. 

Nel 1977 l’Europa è divisa in due dalla “cortina di ferro” e l’Orient Express è diventato ormai un normale treno passeggeri

Il professore Franco Perfetti racconta cosa ha significato per l’Europa il treno che ha visto tra i suoi viaggiatori regnanti, artisti, diplomatici, spie, avventurieri e uomini d’affari.

Il treno che è stato anche il simbolo della Belle Epoque e delle aspirazioni di pace e prosperità del continente in quel periodo ma anche il simbolo, nel 1940, con la carrozza ristorante numero 2419, della resa francese alla Germania di Hitler.   

Il tempo e la storia Il mito dell'Oriente Express: dalla Belle Époque a Hitler

di Michela Guberti

con il prof. Francesco Perfetti

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo