Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

First ladies

Da almeno un secolo partecipa in sordina alla storia mondiale. E’ la First Lady,  la moglie del presidente degli Stati Uniti.
Un ruolo che nel corso del tempo è molto cambiato e che anche senza un incarico istituzionale formale ha acquisito un proprio spazio nel sistema politico americano. Un fatto che può esistere solo in un paese come gli Stati Uniti, sottolinea la professoressa Raffaella Baritono, ma che non è necessariamente sinonimo di emancipazione femminile, almeno fino a quando non ci sarà un presidente donna.

La storia delle First Ladies parte da molto lontano: dal 1776, l’anno dell’indipendenza degli USA dalla Gran Bretagna, quando Abigail Adams in una lettera al marito John Adams (uno dei firmatari della Dichiarazione di indipendenza, nonché futuro Presidente USA) lo prega di “ricordarsi delle signore” nella Costituzione che egli sta scrivendo.

Un secolo e mezzo dopo, nel 1919, grazie all’approvazione del 19° Emendamento le donne americane ottengono il diritto di voto.

La storia americana ha visto emergere tra le First Ladies personalità di spicco, che durante e dopo il mandato presidenziale dei mariti hanno avuto un ruolo determinante nella vita politica e sociale del paese. E’ il caso di Eleanor Roosevelt, Jacqueline  Kennedy, Rosalynn Carter, Hillary Clinton e ora Michelle Obama.
 

Il tempo e la storia: First ladies, di Michela Guberti.

Puntata adattata per il web.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo