Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Nilde Iotti

È il 1943 quando Leonilde Iotti, detta Nilde, dopo la laurea all’Università Cattolica di Milano, torna nella sua Reggio Emilia e poco più che ventenne prende parte alla Resistenza come staffetta portaordini.
A 26 anni è eletta deputato nelle file del PCI all’Assemblea Costituente del 1946: è l’inizio di una biografia politica eccezionale che la porterà nel 1979 a diventare la prima donna ad essere eletta Presidente della Camera dei Deputati e in seguito la prima, e ad oggi, l’unica donna a ricevere un mandato esplorativo come Presidente del Consiglio. 

Oltre 50 anni di impegno politico-parlamentare che si concludono con le dimissioni da deputato nel novembre del 1999, poche settimane prima della morte.

Figlia di un ferroviere socialista e di una casalinga cattolica, Leonilde nasce a Reggio Emilia il 10 aprile del 1920.
Appena pochi mesi prima del fatidico gennaio 1921, che segna l’irrompere sulla scena politica del partito comunista italiano, a cui Nilde Iotti legherà in modo indissolubile il suo destino.

Del suo percorso umano e politico fa parte anche la relazione sentimentale che la legò al segretario del Partito Comunista Italiano, Palmiro Togliatti.

Protagonista di tante battaglie civili a fianco delle donne, Nilde Iotti fu tra le quattro donne chiamate a far parte della Commissione dei 75, organo incaricato di scrivere la bozza della Costituzione repubblicana a cui darà un contributo di grande rilievo sui capitoli del diritto di famiglia e della questione femminile.
 

Il tempo e la storia Nilde Iotti
di Roberto Fagiolo

con prof. Agostino Giovagnoli
 

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo