Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Le fosse Ardeatine 70 anni dopo

L’eccidio delle Fosse Ardeatine è uno degli episodi più tragici della guerra partigiana. in due giorni si svolge la drammatica vicenda.

Il 23 marzo 1944 i GAP Gruppi d’Azione Patriottica fanno scoppiare una bomba in Via Rasella. L’attentato provoca 32 morti fra i soldati tedeschi.

Il 24 marzo i tedeschi fucilano per rappresaglia 335 italiani. Il luogo prescelto sono le cave di pozzolana sulla via Ardeatina.

Responsabile dell'eccidio, Herbert Kappler, l’ufficiale delle SS tedesche.

Alla memoria di quei fatti, Il Tempo e la Storia cerca di sovrapporre lo sguardo di chi affronta la vicenda per la prima volta oggi, 70 anni dopo, come gli studenti del Liceo romano Pio Albertelli andati sul luogo dell’eccidio.

La ricostruzione attraverso documenti degli archivi Rai, rapporti tra la Chiesa di Roma e i tedeschi, l’organizzazione della resistenza nelle parole di Sandro Pertini, membro del Comitato di Liberazione Nazionale, la cronaca dell’attentato a Via Rasella e la rappresaglia nazista.

Secondo lo storico Emilio Gentile: “La violenza straripa proprio in prossimità della fine della guerra; le rappresaglie e i massacri servono a dimostrare che il corpo del nemico vinto è a loro diposizione”.

 

Il tempo e la storia Le fosse Ardeatine 70 anni dopo
di Giancarlo Mancini
con il prof. Emilio Gentile

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo