Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Il Concordato: 1929-1984 da Mussolini a Craxi

Trent’anni fa a Roma a Villa Madama, viene firmato l’accordo che ancora oggi regola i rapporti tra Stato italiano e Vaticano: il Nuovo Concordato. Tutto ha inizio l’11 febbraio del 1929 quando il primo ministro Mussolini e il Cardinale Gasparri sottoscrivono i Patti lateranensi che sanciscono il primo accordo tra i due Stati dopo l’Unità d’Italia, per arrivare al 3 giugno 1984 con l’incontro tra Bettino Craxi e Giovanni Paolo II che inaugura l’entrata in vigore del nuovo Concordato.

Quando il 20 settembre 1870 i bersaglieri irrompono a Roma, Papa Pio IX, chiuso in Vaticano, si dichiara prigioniero politico. E’ la fine del dominio temporale dei Papi e l’inizio di un dissidio apparentemente insanabile tra il nuovo Stato italiano e quello del Vaticano: saranno necessari più di cento anni e due concordati perché il rapporto giunga a una definitiva chiarificazione.

La puntata ripercorre le vicende più significative di questo lungo periodo, dagli accordi del Laterano all’approvazione nel 1947 dell’articolo 7 della Costituzione, dalla Commissione Gonnella del ’68, ai punti fondamentali - come  l’insegnamento scolastico facoltativo della religione cattolica - del nuovo Concordato.

Il Tempo e la Storia - Il Concordato: 1929-1984 da Mussolini a Craxi

di Fabio Bottiglione

con Alberto Melloni

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo