Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Gengis Khan: l`imperatore dei Mongoli

Le imprese del condottiero che creò il più grande impero terrestre del mondo. Si poteva andare dall’Oceano Pacifico fino al Mediterraneo senza mai uscire dai domini conquistati da lui e dai suoi eredi: per il suo popolo è stato un eroe, per i suoi nemici un incubo, i morti provocati dalle sue guerre si contano a milioni. Il suo nome è Gengis Khan e tre sono le date che segnano la sua storia. Il 1162, quando nasce col nome di Temujin, figlio di un capotribù mongolo, il 1206, quando Temujin, dopo aver creato un’armata invincibile, viene nominato Gengis Khan, dove Khan sta per capo supremo e Gengis per immenso, alla lettera “oceanico” e infine il 1227, l’anno della morte dell’imperatore dei mongoli.

Ma come ha fatto Gengis Khan a trasformare dei pastori nomadi in uno degli eserciti più forti della storia e come è riuscito in così poco tempo a conquistare territori vasti fino al doppio dell’impero romano? A rispondere a queste e altre domande, in studio con Massimo Bernardini, il professore Franco Cardini: “Determinante – dice lo storico – è stata la disciplina, l’allenamento mirato, l’organizzazione tattica e soprattutto la valorizzazione del merito all’interno della sua armata. Il generale MacArthur sosteneva che se dalle pagine della storia eliminassimo tutte le cronache delle battaglie tranne quelle di Gengis Khan – aggiunge Cardini - avremmo comunque le giuste informazioni per formare un esercito e vincere le guerre”. 

 

Il tempo e la storia Gengis Khan: l'imperatore dei Mongoli
di Giancarlo di Giovine
con il prof. Franco Cardini

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo