Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Elezioni del 1948

L’Italia, con il referendum del 2 giugno è diventata da meno di due anni una Repubblica.

Al Quirinale non c’è più il Re ma il capo dello Stato e in Parlamento siedono i Costituenti eletti dal popolo chiamati a scrivere la Carta Costituzionale.

E' questo contesto di profondi mutamenti che gli italiani, per la prima volta, partecipano alle elezioni politiche di uno Stato democratico. 

E' il 18 aprile 1948, il giorno del voto.
L’asprezza della campagna elettore tra i due schieramenti in campo, il Fronte Democratico Popolare e la Democrazia Cristiana, non offusca ciò che è chiaro a entrambi: gli italiani devono andare in massa alle urne.

Quasi 27 milioni di persone si recarono così a votare, il 92,23% degli aventi diritto e lo fecero, non solo per la chiamata dei partiti ma perché tutti i cittadini sentirono l’importanza di poter decidere.

Quali sono le figure chiave di quelle elezioni?  il ruolo della Chiesa e dei Comitati Civici a sostegno del partito cattolico uscito vincitore dalle urne, gli slogan della campagna elettorale (“Nell’urna Dio ti vede, Stalin no!), i comizi e i tanti testimonial come Eduardo de Filippo o Aroldo Tieri, arruolati nei cinegiornali per invitare gli italiani al voto e spiegare loro i  vantaggi della democrazia.

Il tempo e la storia Elezioni del '48
di Pierluigi Tiriticco
con Giovanni Sabbatucci

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo